Masseria didattica e scuola

10 Mar Masseria didattica e scuola

Da nord a sud del territorio regionale pugliese il paesaggio agricolo è caratterizzato dalla presenza delle masserie, antiche strutture contadine che, a partire dal quattordicesimo secolo, hanno plasmato la campagna e l’attività rurale della regione. La masseria, riscoperta nell’ultimo decennio da una fruizione turistica più sensibile alla natura e all’alimentazione sana, in quanto custode della storia importante delle nostre campagne, oggi è diventata testimonial privilegiata della filiera corta campo-tavola, nonché luogo di formazione e educazione delle nuove generazioni trasformandosi in masseria didattia .

La legge regionale 26 febbraio 2008 n.2, che ha istituito in Puglia le masserie didattiche, ha voluto non solo per far salvo questo storico patrimonio di conoscenze legate alle tradizioni agricole e ai prodotti tipici della Puglia, ma anche creare le condizioni per renderlo fruibile alle nuove generazioni. Le moderne masserie presenti sul territorio pugliese, infatti, pur mantenendo fede alla loro funzione originaria, hanno voluto venire incontro alle rinnovate  esigenze di contatto e di conoscenza del mondo rurale da parte delle nuove generazioni, il cui ritorno ai temi della terra può considerarsi come un salutare antidoto a stili di vita contemporanei sempre più frenetici e poco salutari. Da queste precise esigenze nasce l’incontro tra le masserie didattiche e la scuola e l’educazione, affinché sin dai primissimi anni di formazione scolastica gli alunni siano in grado di operare i loro distinguo sulla genuinità e salubrità dei prodotti locali e diventare essi stessi testimonial in famiglia e con gli amici di una nuova via del benessere e della buona salute legata ad un consumo più consapevole. Oggi le visite didattiche in masseria sono divenute oramai parte integrante dei programmi scolastici, un irrinunciabile corredo del curriculum formativo delle nuove generazioni. Nel corso di questi incontri in azienda, svolti secondo i principi della pedagogia attiva, vengono proposti approfondimenti a tema quali la stagionalità delle produzioni, i processi di trasformazione, il rispetto per l’ambiente. Altri approfondimenti riguardano la raccolta del frutto di stagione, mentre particolare attenzione viene rivolta ai sapori dimenticati, anche attraverso laboratori del gusto e la riscoperta delle antiche ricette. Il percorso formativo proposto dalle masserie didattiche prevede il pieno coinvolgimento dei docenti scolastici che, unitamente agli animatori della fattoria, guidano gli studenti nella realizzazione di attività pratiche capaci di stimolarne la curiosità, la riflessione e lo spirito critico e di sollecitare ulteriori approfondimenti in classe. Il connubio masseria didattica scuola ha, inoltre, la possibilità di incidere in maniere significativa e salutare sugli stili di vita delle giovani generazioni rompendo, attraverso le loro attività, il connubio tra bambino e dieta fatta di zuccheri semplici, grassi trans, sale, eccesso di proteine e vita sedentaria, stimolandolo a provare nuovi cibi, ad assaporare gusti inattesi, coinvolgendo la famiglia, la scuola, le Asl, tutte realtà poste sul territorio. Nelle masseria didattica viene ben evidenziata la tracciabilità campo-tavola, in quanto luoghi in cui la didattica responsabilizza la pratica agricola affidandole un ruolo pedagogico. I più piccoli, ma anche i grandi che li accompagnano, vengono così istruiti ai valori legati alla terra, all’ambiente, ad un’alimentazione sana e consapevole.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.